Blue Flower

logo_ambitoAmbito territoriale N. 3 della Provincia di Brindisi (Francavilla Fontana, Carovigno, Ceglie Messapica, Oria, San Michele Salentino, Villa Castelli)

L'articolo 19 della legge 328/2000 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali - GU n°265 del 13 Novembre 2000 ) assegna ai Comuni Associati, definiti, Ambiti Territoriali Sociali, il compito di tutelare i diritti della popolazione attraverso la definizione (d'intesa con l'Azienda Unità Sanitaria Locale) di un Piano di Zona degli interventi sociali e socio sanitari.

Il piano di zona è, pertanto, lo strumento di programmazione delle politiche sociali, finalizzato alla realizzazione della rete dei servizi sociali e che contribuisce al benessere delle persone e a migliorare la qualità della vita individuale e comunitaria.

Per la prima volta, si è così proceduto a strutturare, in forma integrata, piani di interventi e servizi sociali, i Piani di Zona, con il concorso, secondo il principio di sussidiarietà, di tutti gli attori sociali, pubblici e privati, presenti nelle comunità locali, realizzando, così, una transizione dal modello assistenzialistico, incentrato sulla separatezza degli attori e delle funzioni, sulla passività degli utenti, e sulla debolezza dell’impianto progettuale e della personalizzazione della cura, ad un modello di welfare, in cui l’integrazione delle risorse e degli attori del sistema, la centralità del soggetto utente-cliente, la progettualità specifica e mirata, la professionalità degli operatori, divengono capisaldi imprescindibili, in un’ottica complessiva di promozione e garanzia del diritto alla salute e al benessere nelle comunità locali.

In tal senso, i Comuni, in particolare, primi titolari della funzione sociale, sono stati chiamati a divenire volano del cambiamento, favorendo e assicurando le sinergie necessarie e la sintesi delle risorse disponibili, per corrispondere ai bisogni reali, evidenziati sul territorio.

 

logo_ambitoConsorzio per la realizzazione del sistema integrato di welfare dell’Ambito Territoriale di Francavilla Fontana

INTRODUZIONE

IL CICLO DI VITA DEL PIANO SOCIALE DI ZONA. DAL II AL III CICLO DI PROGRAMMAZIONE IL PERCORSO DI CONCERTAZIONE E PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA

 

Piano Sociale di zona 2014/2016

Piano Sociale di zona 2018/2020

 

DELIBERA G.R. n. 1534 del 02/08/2013. NOTA REGIONALE AOO_146/000312. APPROVAZIONE RIPROGRAMMAZIONE RELATIVA ALLA 2° ANNUALITA’ DEL PIANO DI ZONA 2014-2016.

Consulta DELIBERA Albo Pretorio atto N. 114/2015

Scarica FORMULARIO prospetto Piano di Zona 2014-2016. Anno 2015

Scarica Copia di scheda rendicotazione Francavilla anno 2014 

logo_ambitoConsorzio per la realizzazione del sistema integrato di welfare dell’Ambito Territoriale di Francavilla Fontana

INTRODUZIONE

IL CICLO DI VITA DEL PIANO SOCIALE DI ZONA. DAL II AL III CICLO DI PROGRAMMAZIONE IL PERCORSO DI CONCERTAZIONE E PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA


Il Consorzio Ambito Territoriale Sociale n. 3 di Francavilla Fontana, costituito dai Comuni di Francavilla Fontana (capofila), Carovigno, Ceglie Messapica, Oria, San Michele Salentino e Villa Castelli, sta vivendo un periodo di grandi trasformazioni in vista di un vero e proprio rilancio dello stesso, attraverso il coinvolgimento e la partecipazione del territorio e del terzo settore, una migliore organizzazione del personale a disposizione e un’attività di monitoraggio per i servizi esternalizzati al fine il tutto di ridurre gli sprechi e garantire la massima qualità dei servizi.
La realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali si è attuata attraverso lo “sviluppo della programmazione locale”, ovvero il Piano di Zona, strumento che  definisce obiettivi strategici e priorità di intervento, strumenti e mezzi per la realizzazione di un sistema integrato di servizi, esplicitando anche le modalità di organizzazione dei servizi, le risorse finanziarie, strutturali e professionali necessarie.
Nella realizzazione del nuovo Piano di Zona si è attivato il coinvolgimento degli attori locali e la partecipazione del territorio, soggetti questi che, meglio di chiunque altro, conoscono bene i punti di forza e di debolezza del tessuto sociale e le sue esigenze.
Per progettare e realizzare il nuovo Piano di zona per il triennio 2014-2016, l’Ambito territoriale sociale n. 3, composto dai sei Comuni ha avviato un percorso di programmazione partecipata.
Si è costituito pertanto il Tavolo di Concertazione, finalizzato a mettere insieme i diversi attori sociali, pubblici e privati del territorio e successivamente sono stati strutturati i diversi Gruppi Tematici di progettazione per la definizione di proposte e individuazione di eventuali disponibilità e collaborazioni da parte degli attori sociali per la realizzazione del sistema integrato, secondo il principio della sussidiarietà orizzontale.
I tavoli tematici a cui gli attori pubblici e privati hanno partecipato riguardavano le seguenti aree: Anziani, Famiglia, Minori, Disabilità e non autosufficienza, Salute Mentale, Dipendenze, Povertà e disagio, Contrasto alla violenza, Immigrazione.
Durante tali incontri sono stati discussi gli argomenti all’ordine del giorno e accolte le proposte relative ad ogni area di intervento.
Pertanto, i servizi garantiti per il prossimo triennio, emersi come priorità durante il tavolo di concertazione con il territorio, sulla base anche delle disponibilità economiche, degli obiettivi di servizio e delle linee guida della Regione, saranno: Servizi di conciliazione vita-lavoro,rete di Pronto Intervento Sociale (PIS), Servizio sociale professionale, Rete di accesso segretariato, rete di accesso-PUA, Centro di ascolto per le famiglie, Educativa domiciliare per minori, Buoni servizio di conciliazione infanzia, Affido familiare, Centro diurno per minori (Art. 52/104 R.R. 4/2007), Unità di Valutazione Multidimensionale, Assistenza Domiciliare non autosufficienti (ADI), Assistenza domiciliare non autosufficienti (SAD), Barriere architettoniche, Buoni servizio conciliazione-disabili e anziani, Progetti di Vita Indipendente (PRO.VI), Centro diurno per disabili (Art. 105 R.R. 4/2007), Centro diurno disabili (Art. 60 R.R. 4/2007), integrazione alunni con disabilità (Art. 92 R.R. 4/2007), Maltrattamento e violenza-residenziale, Ufficio di Piano, Acquisto veicoli adibiti al trasporto sociale.  Tutti i servizi sopraesposti si pongono in parte in un’ottica di continuità e in parte in un’ottica di innovazione, tenendo sempre presenti la trasparenza e la partecipazione  del territorio, oltrechè la qualità degli interventi, l’efficienza e l’efficacia.
Il sistema regionale di welfare si configura come un sistema di responsabilità condivise, che necessita dell’intervento coordinato dei diversi attori istituzionali e sociali presenti sul territorio per esprimere in modo efficace le capacità di risposta alla domanda di servizi dei cittadini. Ognuno di questi attori ha responsabilità precise e deve esercitare in modo leale e collaborativo la propria funzione, con l’obiettivo comune di contribuire allo sviluppo e al corretto funzionamento del sistema locale di servizi sociali e sociosanitari.
Il Consorzio si configura come modello organizzativo utile a tale scopo, in quanto dotato di personalità giuridica, di autonomia imprenditoriale e di un proprio statuto approvato dagli organi consiliari degli enti partecipanti al consorzio stesso, in quanto diversamente dalla convenzione, si caratterizza innanzitutto per la presenza di organi amministrativi espressamente individuati per la sua conduzione. Appare subito evidente l’organizzazione più “strutturata” del Consorzio che prevede specifici organi rappresentativi dei diversi enti consorziati ognuno con responsabilità proporzionale alla quota di partecipazione fissata dalla convenzione e dallo statuto.
Il presente Piano di Zona, quindi, si proietta verso una migliore gestione del sistema integrato dei servizi sociali di Ambito, attraverso scelte quali la partecipazione attiva di tutto il territorio più snella, autonoma e trasparente.
Quello di seguito riportato e che si intende attuare è un piano di zona semplice, chiaro, lineare, frutto dell’impegno di tutti coloro i quali hanno voluto dare il loro contributo e interesse, per un unico scopo: il benessere del cittadino e della comunità.

SCARICA PIANO DI ZONA 2014/2016

SCARICA RELAZIONE SOCIALE 2014

SCARICA RELAZIONE SOCIALE 2017 PROROGA - SCARICA ALLEGATO B 2017

AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER ADESIONE DEI CAF ALL’AZIONE REGIONALE “CANTIERI DI CITTADINANZA”

La Regione Puglia con propria Legge Regionale n. 37 del 01/08/2014 ha avviato la misura regionale di sostegno economico al reddito al fine di facilitare l’inserimento socio lavorativo dei disoccupati di lunga durata e l’inclusione sociale dei soggetti in condizione di particolare fragilità sociale;

Con Deliberazione di Giunta Regionale n.2456 del 21/11/2014 sono state approvate le strategie regionali per l’inclusione sociale attiva e per il contrasto alla povertà nonché gli indirizzi operativi per la realizzazione dei Cantieri di Cittadinanza e del lavoro minimo di cittadinanza, definendo nei relativi allegati la modalità di presa in carico delle domanda pervenute per mezzo di piattaforma informatica;

Nei materiali informativi predisposti dalla Regione Puglia per l’avvio della misura in questione, si specifica che per la presentazione delle domande i cittadini che non vorranno farlo autonomamente dalla propria postazione informatica, potranno rivolgersi ai CAF già convenzionati con i rispettivi Comuni; non possono essere presentate le domande tramite sportelli dei Comuni né tramite i Centri per l'Impiego.

Pertanto i CAF che saranno autorizzati ad operare su piattaforma per la presentazione delle domande su deleghe dei cittadini, sono quelli che aderiscono alla piattaforma SGATE alle medesime condizioni economiche;

In esecuzione alla Determinazione n. 73 del 22/04/2015;

Il Consorzio Ambito Territoriale n. 3

INVITA

I CAF che rispondono ai requisiti sopra indicati e che ricadono nei Comuni dell’ambito, a presentare propria manifestazione di interesse, entro le ore 12.00 del 8 maggio 2015, a sottoscrivere, convenzione, a titolo oneroso, per la presentazione delle domande da parte dei cittadini che vogliano accedere ai cantieri di cittadinanza ed al lavoro minimo di

cittadinanza.

La manifestazione di interesse, il cui format è disponibile sul sito istituzionale dell’Ambito e su quello dei Comuni aderenti, può essere inoltrata nelle seguenti modalità:

  • A mano o per posta ordinaria, presso il Protocollo dell’Ambito sito in Francavilla Fontana in Piazzale Matteotti, 6 – 72021 Francavilla Fontana, entro le ore 12.00 del 08/05/2015;
  • A mezzo PEC al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Francavilla Fontana, lì 22/04/2015 

SCARICA DETERMINA